News

Non indossare la maschera della violenza

Mercoledi, 20 Gennaio 2016



 A pochi giorni dall'inizio del Carnevale è stato presentato il nuovo video della Fondazione Tamagni. Il video è stato realizzato da alcuni allievi della SPSE in collaborazione con lo StudioLogout di Lugano. Un video molto toccante per sensibilizzare i giovani e non solo. È abbinato ad un concorso che propone di commentare o lasciare un pensiero sul filmato. I contributi dovranno essere inviati all'indirizzo e-mail associazionesportforpeace@gmail.com entro il 30 giugno 2016. Tra le azioni di sensibilizzazione della Fondazione Tamagni ci sono in programma anche due serate, in collaborazione con MidnightSport, il 20 e 27 febbraio, pensate per far riflettere i giovani sul Carnevale.

Qui di seguito un estratto dal Corriere Del Ticino, 19 gennaio 2016

"Immagini di una danza sospesa. Il volteggio gioioso dell’arte circense. Sensuale. Colorato dalle note della musicadi sottofondoedauntripudio di coriandoli che riempiono l’immagine. Poi, improvvisa, giunge l’interferenza e l’inquadratura mostra, in primopiano, una mascheranera. Il volto della violenza che spegne la festa. E talvolta, purtroppo, anche una vita. Dura poche decine di secondi il video di sensibilizzazione alla non violenza realizzato da due allieve della Scuola professionale per sportivi d’élite (SPSE) di Tenero, in collaborazione con a Fondazione Damiano Tamagni e con l’Associazione SportForPeace, ma lascia il segno. Provoca un’emozione reale in chi lo guarda. La stessa emozione vissuta, qualche tempo fa, da Veronica Fontanella e Sara Equati –allieve della SPSE e autrici del filmato, realizzato con la supervisione dei docenti Mauro Citraro e Manuel Papa e col supporto tecnico di Walterdi Nunno e David Sandano – di fronteal racconto di Maurizio Tamagni sulla tragica notte del primo febbraio 2008 quando il figlio, Damiano, è stato ucciso da un gruppo di coetanei, alla Stranociada. Ed è proprio grazie alla forza di questo messaggio che laFondazione Tamagni intende sensibilizzare la popolazione,i giovani in particolare, all’importanza della non violenza. Anche e soprattutto durante i carnevali. (...)"

Qui di seguito un estratto dal Giornale Del Popolo, 19 gennaio 2016

“Non indossare la maschera della violenza”: è l’invito che emerge, forte e chiaro, da uno spot finalizzato alla prevenzione per il prossimi carnevali. L’hanno prodotto la Fondazione Damiano Tamagni insieme a Veronica Fontanella e Sara Equani, allieve della Scuola professionale per sportivi d’élite di Tenero, con la realizzazione tecnica di Walter Di Nunno e David Sandano, e la supervisione dei docenti Mauro Citrano e Manuel Papa. Scorrono pochissimi minuti tesi ed emozionanti. Una giovane acrobata circense si arrampica, quasi danzando dolcemente, su di un tessuto. Poi c’è uno stacco improvviso con l’invito a ripudiare la violenza e un accorato appello finale di Maurizio Tamagni, papà di Damiano e presidente della Fondazione, per evitare il ripetersi della tragedia di otto anni fa, finita con la morte violenta del figlio, mai dimenticato. Un “no” corale alla violenza, venuto da tutta la scuola, che scuote i cuori e riafferma i valori della ragione e del divertimento non inquinato da qualsiasi eccesso. Evidentemente non solo nel periodo di carnevale. Il video è stato presentato ieri al Centro sportivo di Tenero presente Mauro Terribilini, direttore della Scuola professionale per sportivi d’élite e ai suoi allievi.

Qui di seguito un estratto da La Regione, 19 gennaio 2016

 «Frequentando le classi di terza e quarta media nell'ambito delle azioni di sensibilizzazione della Fondazione Tamagni, mi sono reso conto che tra i giovani studenti nessuno aveva memoria del fatto che portò alla morte di Damiano. Questi ragazzini all’epoca dei fatti erano troppo giovani per ricordarsene». Così Maurizio Tamagni, visibilmente commosso, ha esordito il suo intervento ieri mattina al Centro sportivo di Tenero in occasione della presentazione alla stampa del nuovo spot prodotto dalla fondazione che presiede e che porta il nome di suo ?glio. “Non indossare la maschera della violenza” è un ?lmato dall’intento concettuale, realizzato dagli allievi della Scuola professionale per sportivi d’élite di Tenero. Due maschere, una buona (quella che simboleggia il Carnevale) e una cattiva, ?nanche spaventosa (quella che rappresenta la violenza). La prima è indossata da una ginnasta, che spensierata esegue volteggi e giravolte aggrappata a delle funi, dimostrando una forza straordinaria. Forza che simboleggia la determinazione a risalire la china e a voler superare la tragica vicenda di otto anni fa. La seconda invece interviene improvvisa sullo schermo facendo cadere rovinosamente a terra, in una pioggia di coriandoli, quella del Carnevale. Il video si chiude con il pensiero di Maurizio dedicato al ?glio: “Aiutaci a far sì che il dolore per la tua mancanza si trasformi nella forza per fare in modo che quello che è capitato a te non succeda più a nessun ?glio”. Il ?lmato, che da oggi può essere visto sul sito www.associazionesportforpeace.ch/tamagni e che i promotori sperano di riuscire a diffondere al più presto nelle sale cinematogra?che del cantone, sarà presentato sulle piazze ticinesi nei giorni dei bagordi e sarà oggetto del concorso “Un Carnevale che riflette bene. (...)"

Allegati

Ticinonews                                                                                          Contro la violenza a Carnevale - Il Quotidiano

     

CRONACHE DELLA SVIZZERA ITALIANA - RSI

Articoli giornali (PDF): 

Linkografia:

- Ticinonews: http://goo.gl/31wy5X  
- RSI: http://goo.gl/SaLb83  
- La Regione: http://goo.gl/Sb3bez 
- Il Quotidiano: http://goo.gl/gufU9U 

Stagisti SPSE:
Ivan Lurati
Simone Ricci
Alan Rodriguez

Ultime news

Buone feste dalla SPSE
23 Dicembre 2015
Come un arcobaleno!
20 Novembre 2015